.
Annunci online

MOSTRA DI ILIA TUFANO: "NEI COLORI DELLE PAROLE)
post pubblicato in diario, il 12 settembre 2016
Sabato 17 settembre 2016 ore 18.00 si inaugura presso La Casa della Corte, Piazza Indipendenza ad Agerola (NA) la mostra personale di Ilia Tufano , intitolata: ”Nei colori delle parole”, introdotta da un testo critico di Luigi Paolo Finizio. Resterà aperta fino al 9 ottobre, dal lunedì al sabato ore 10-13, martedì, giovedì e sabato anche ore 17-19, domenica ore 10-12. La mostra, inserita nel programma “AGEROLAARTE2016”, è la tappa conclusiva di un percorso che ha visto alternarsi dal 23 giugno la mostra personale di Gianni Rossi, poi quella di Edoardo Ferrigno e quella di Antonio Izzo, che si conclude il 14 settembre. Luigi Paolo Finizio ha curato il progetto ; ORDINE SPARSO è il titolo del suo testo, che lo introduce. Alberto Silvestri ha promosso l’evento , con il sostegno del Sindaco di Agerola, prof. Luca Mascolo ed il patrocinio del Comune. La mostra “NEI COLORI DELLE PAROLE” presenta alcune piccole installazioni , alcuni libri d’artista ed alcuni dipinti realizzati dall’artista napoletana negli ultimi anni, insieme a lavori recentissimi e quindi ancora inediti, al fine di rendere conto di una ricerca che da almeno un decennio si dipana sul confine, sull’intreccio del visivo e del verbale. “Sta in tale pendolo comunicativo la verve persuasiva delle sue composizioni. Un transito di percezioni e nessi di pensiero che si coagulano per metafore e ostensioni plastiche, per dettati di parole e le loro fisiche amplificazioni. Le pratiche, le tecniche d’immagine cui ricorre la Tufano sono diverse e anche esse contribuiscono al gioco contaminante, all’interazione tra parola e immagine, tra lemma e colore, tra discorso e confezione spaziale. Con la messa in opera si dischiude una sorta di polisemia che va oltre il senso dei colori e delle parole. Essa investe il complesso dei materiali, il loro interagente impiego formativo nel conferire struttura all’opera, alle sue articolate e simboliche dimensioni estetiche.” Scrive Luigi Paolo Finizio nel suo testo critico. (COMUNICATO STAMPA)
Sfoglia agosto        ottobre