.
Annunci online

"A NAPOLI CON MAURIZIO DE GIOVANNI", UN LIBRO DI VINCENZA ALFANO
post pubblicato in diario, il 26 aprile 2021
“A Napoli, con Maurizio De Giovanni”, di Vincenza Alfano (Ed. Perrone), è un coinvolgente itinerario in cui i romanzi di De Giovanni, centrati sul commissario Ricciardi, ci fanno da guida nella città degli anni ’30, una città che per certi aspetti è rimasta immutata, ma che ancor oggi ci affascina e ci sorprende come in quei tempi lontani. Nel risvolto anteriore di copertina leggiamo quanto segue: “Città imprendibile, creatura terrestre e marina, sospesa tra cielo e terra. Occorre una guida per attraversare Napoli: bifronte, labirintica. Un possibile itinerario è quello tracciato da Maurizio de Giovanni nei romanzi del commissario Ricciardi ambientati nella città partenopea degli anni Trenta. Sempre in bilico tra vita e morte, Napoli sembra il posto giusto per Ricciardi che vede i vivi e i morti e condivide, quindi, con la sua città un destino di sospensione. Il percorso che si intraprende è tortuoso e bellissimo: si parte dal Gambrinus, nel quartiere San Ferdinando, dove è metaforicamente nato il commissario; poi ci si perde tra i Quartieri Spagnoli, dove il vicolo diventa profondo come una ruga, vivo come una ferita sempre aperta. Ogni angolo di Napoli è simbolo e contrasto. Capodimonte è il volto di un bambino che sembra dormire sotto la pioggia, Mergellina è lo scontro fra l'opulenza dei gerarchi e la miseria dei pescatori, è il futuro che incespica, è la voce del mare. Chiaia è l'alcova di un amore, anche se incontrato nel bordello più elegante delle città, ma è anche lo svelamento di una mistificazione che si ammala cronicamente della sua stessa ipocrisia. Ma Napoli è prima di tutto, e senza ombra di dubbio, un'emozione, oltre che un luogo, e Vincenza Alfano la percorre seguendo l'itinerario letterario di Maurizio de Giovanni e restando fedele agli odori, le voci, le canzoni e gli assordanti silenzi di una città crudele e pietosa, che accudisce e schernisce solo con uno sguardo”. Il libro viene introdotto da una significativa citazione: “Le città, come i sogni, sono costruite di desideri e di paure, anche se il filo del loro discorso è segreto, le loro regole assurde, le prospettive ingannevoli, e ogni cosa ne nasconde un’altra”(Italo Calvino, Le Città Invisibili). Seguono poi 12 capitoli che ci conducono per mano nel labirinto della città:1)La città di Ricciardi (scritto dallo stesso De Giovanni);2)Napoli non è solo una città; 3)Il Gambrinus;4)Quartiere San Ferdinando; 5)Quartieri Spagnoli; 6)Santa Maria La Nova; 7)Capodimonte; 8)Mergellina; 9) Chiaia;10)Borgo Orefici;11)Il Vomero;12) Cosa mangiare a Napoli, Vincenza Alfano è senz’altro, come Maurizio De Giovanni, sensibile interprete della cultura napoletana, e pagina dopo pagina con la sua scorrevole scrittura ci conduce per mano attraverso la nostra città con lo sguardo di Ricciardi che ne osserva luci ed ombre, la comprende e l’ama. Si parte dal quartiere San Ferdinando, dall’elegante Caffè Gambrinus dove è sempre riservato un tavolo per il commissario triste che vede i morti, personaggio di buona famiglia che dal Cilento si è trasferito a Napoli e non l’ha più lasciata. E dall’antico caffè, passando per Palazzo Reale e Teatro San Carlo a via Chiaia fino a Mergellina e i palazzi della borghesia fascista, arriviamo ai Quartieri Spagnoli dove da secoli convivono umili bassi e palazzi sontuosi come in molti quartieri della città, una Napoli bifronte che si destreggia tra miseria e nobiltà. Ed ecco ci sembra di vedere navi colme di migranti al porto e per contrasto il Borgo Orefici dove ancor oggi ci sono le botteghe degli artigiani dell’oro che creano preziosi gioielli. Salendo in collina arriviamo a Capodimonte, dove scopriamo un Ricciardi rattristato per violenze e soprusi inferti nei collegi a bambini poveri, come il piccolo Tettè, e infine arriviamo al Vomero che un tempo era in prevalenza campagna ed ora è un quartiere borghese dove c’è solo qualche oasi di verde tra i palazzi ammucchiati da speculazioni edilizie. Per concludere, scopriamo la cucina napoletana tra gli odori di ragù o genovese, profumo dei fiori di arancio di pastiere e quant’altro. Un percorso tra passato e presente, aspetti positivi e negativi, amore e odio, squallore e luce, quartieri a rischio, ma anche antichi monumenti, sapori, odori e musica. Un libro da leggere, che fa scoprire Napoli anche a chi non la conosce e spesso la disprezza senza sapere nemmeno di cosa parla. Giovanna D’Arbitrio P.S.- Ci sembra giusto ricordare romanzi della serie dedicati a Ricciardi:1) il senso del dolore. L'inverno del commissario Ricciardi (2007); 2.La condanna del sangue. La primavera del commissario Ricciardi (2008); 3.Il posto di ognuno. L'estate del commissario Ricciardi (2009); 4.Il giorno dei morti. L'autunno del commissario Ricciardi (2010); 5.Per mano mia. Il Natale del commissario Ricciardi (2011); 6.Vipera. Nessuna resurrezione per il commissario Ricciardi (2012); 7.In fondo al tuo cuore. Inferno per il commissario Ricciardi (2014); 8.Anime di vetro. Falene per il commissario Ricciardi (2015); 9.Serenata senza nome. Notturno per il commissario Ricciardi (2016;)10.Rondini d'inverno. Sipario per il commissario Ricciardi (2017);11.Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi (2018); 12.Il pianto dell'alba. Ultima ombra per il commissario Ricciardi (2019) Giovanna D'Arbitrio
Sfoglia marzo        luglio