.
Annunci online

NAPOLI:UOVO GAY-ODIN 2019
post pubblicato in diario, il 6 aprile 2019
La tradizione del gigantesco uovo di cioccolato pasquale “a tema” anche quest’anno è stata rispettata dalla Gay-Odin, antica e prestigiosa cioccolaterie napoletana, che con costante impegno professionale, sociale e civile mette in risalto aspetti positivi di Napoli . Molti in verità gli autorevoli personaggi, venuti a rendere omaggio a questa lodevole iniziativa alla quale la stampa dà ampio risalto. Per la Pasqua 2019 l’enorme’uovo di 360chili,alto più di due metri, è artisticamente decorato per celebrare le Universiadi, evento sportivo e culturale coinvolgente atleti universitari a livello internazionale. Il termine fu coniato unendo le parole “università” e “olimpiade”per la prima edizione del 1959 tenutasi Torino.La Regione Campania ha ottenuto per la città di Napoli la designazione da parte della FISU a ospitare l’edizione estiva dell’Universiade che si terrà dal 3 al 14 Luglio 2019. La Gay Odin,dunque, amministrata e diretta con abilità e passione da Marisa Maglietta Del Vecchio e dai suoi figli, Sveva, Dimitri e Davide, con un atto di amore verso Napoli cerca di promuoverne la rinascita culturale e sociale.Ci sembra giusto, pertanto, ricordare in un rapido excursus i significativi temi scelti per decorare l’uovo almeno in questi ultimi anni. Nel 2018 Il tema fu la Speranza, raffigurata con una Napoli dal cielo azzurro ma pieno di nuvolette con positivi desideri per la soluzione di problemi ancora irrisolti, come strade senza buche, città pulita, lotta alla criminalità, politica efficiente, incentivi per il turismo, tutela della natura e delle coltivazioni agricole e… perfino l’ambito scudetto per la squasdra di calcio! Nel 2017 il tema fu quello dei Musei Partenopei che, come affermò Marisa Del Vecchio in n’intervista, fu scelto per il boom del turismo a Napoli, dovuto” anche grazie alla nuova linfa dei due principali musei partenopei, il Mann e quello di Capodimonte, disegnati entrambi sull’uovo e circondati da una splendida veduta cittadina”. Nel 2016 l’uovo fu dedicato alla Apple che aveva scelto Napoli per realizzare un polo di ricerca per le nuove App della casa di Cupertino.Il decoro rappresentava una veduta del golfo di Bagnoli con il Vesuvio eruttante computer e smartphone. Nel 2015 il tema fu quello della Grande Expo e la decorazione mostrava la nostra Penisola con tutti i suoi piatti tradizionali e il messaggio “Nutriamo bene il pianeta“ per esaltare cibo di qualità. Nel 2014 l’uovo tributò un omaggio a Paolo Sorrentino, vincitore del premio Oscar per il film “La Grande Bellezza”, nonché alle città di Roma e Napoli. A questo punto ci fermiamo, poiché l’elenco sarebbe davvero molto lungo e concludiamo con un encomio a Marisa del Vecchio, ai suoi familiari e collaboratori che ancora una volta hanno confermato un grande amore per Napoli, perseguendo con costanza l’obiettivo di valorizzarne eccellenze territoriali, significativi personaggi ed eventi, nonché l’imponente patrimonio storico,culturale e paesaggistico. Giovanna D’Arbitrio
Libro"DIZIONARIO APPASSIONATO DI NAPOLI", di J.N. SCHIFANO
post pubblicato in diario, il 30 marzo 2019
Venerdì 29 marzo, alle ore 16,30, ha avuto luogo un interessante incontro con Jean-Noël Schifano, autore del “Dizionario appassionato di Napoli”, in via Vetriera 12 a Napoli. Nella storica cioccolateria della Gay-Odin, Marisa Maglietta Del Vecchio ha creato con i suoi collaboratori un Uovo Pasquale contente il libro di Schifano: l’Ovo di Virgilio, dunque, antica leggenda, diventa simbolo di Napoli.. Ne ha parlato a lungo Jean-Noël Schifano, meridionalista convinto, cittadino onorario di Napoli, un tempo direttore dell’Istituto Francese di via Crispi, il Grénoble, illustrando il suo Dizionario che racconta Napoli dalla A alla Z. Presenti all’incontro con l’autore, la dott. Marisa Maglietta Del Vecchio, il console francese, Laurent Burin Des Roziers, l’editrice Donatella Gallone, la brava attrice Anna Maria Ackermann, che ha letto un significativo brano del libro e il chitarrista Franco Manuele che ha cantato antiche canzoni napoletane. Si avvicina la Pasqua e l’artistico uovo contenente il libro di Schifano, mette in rilievo le pagine che l’autore ha dedicato al famoso “Ovo” di Virgilio nel suo Dizionario. Particolare interessante: un grande uovo di cioccolato con il libro come “sorpresa”, firmato dall’autore, verrà regalato al Presidente Macron che ama molto Napoli. Ritornando dunque alla leggenda, Schifano ha evidenziato che il grande poeta Virgilio, considerato un mago, aveva messo un uovo d’oro dentro una sfera di cristallo per salvare Napoli da ogni calamità naturale e donarle eterna vita. Nella villa del romano Lucullo situata sull’antico isolotto di Megaride, l’uovo in seguito fu messo in una gabbia di ferro e seppellito sotto il castello che è ancor oggi conosciuto come Castel dell’Ovo. Quella dell’Uovo, tuttavia, non è solo una leggenda, ma una permanente simbologia, di vita e rinascita, simbolo stesso della città e della sua ricerca di un olistico “intero” in cui anche aspetti contrastanti coesistono, resistendo contro ogni disgregazione di identità. E il simbolo dell’Uovo si ritrova ovunque a Napoli da Pulcinella (derivante da “pulcino”) con il suo ventre tondeggiante e la gobba, alla forma stessa del golfo che si estende in una forma ovoidale e con due braccia avvolgenti, quasi a ricordare l’amore della sirena Partenope per Napoli: una città ricca di miti e di leggende, di bellezze naturali e di millenaria storia e cultura che attraverso i secoli ha saputo fondere gli aspetti positivi di popoli invasori. Amante di pace e accoglienza, anche se ridotta a mera colonia dopo l’Unità d’Italia, ha sopportato con dignità ulteriori saccheggi, benché avesse contribuito all’Unità con il sangue dei suoi patrioti. J. N.Schifano, quindi, può essere considerato figlio amorevole di questa città ed erede responsabile della sua storia, fatta di bellezza e arte, in particolare canto e poesia. Significativa la collaborazione tra l’autore e la casa editrice “Ilmondodisuk”, fondata dalla giornalista e scrittrice Donatella Gallone che con coraggiosa iniziativa ha lanciato un S. O. S. per Napoli, al quale hanno aderito ben più di cento artisti, dando prova che il mondo dell’arte può unirsi in solidarietà per una diffusione della cultura senza confini. "SosPartenope", in effetti, è un progetto di crowdfunding che Ilmondodisuk ha lanciato con l’obiettivo di tradurre e pubblicare Dictionnaire amoureux de Naples (Dizionario appassionato di Napoli) di Jean-Noël Schifano, un libro capace di smantellare gli stereotipi su una metropoli troppo spesso e troppo a lungo etichettata come covo del malaffare. Per sostenerlo, circa 140 artisti italiani e stranieri hanno donato le loro opere per la mostra, "SosPartenope, 100 artisti per il libro della città", organizzata in collaborazione con l'Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli ed esposta prima a Castel dell'Ovo e poi in altri storici edifici. Un incontro davvero interessante che ci fa ben sperare per la nostra meravigliosa città di cui troppo spesso si mettono in rilievo solo aspetti negativi, mentre un vergognoso silenzio su quelli positivi continua ad imperversare. Malgrado ciò, Napoli rimane una città “resiliente” che vuole vivere e che “non morirà mai”, come ha affermato Schifano. Giovanna D’Arbitrio
Libro "EMOZIONI VISIVE DALLA BIRMANIA"
post pubblicato in diario, il 29 marzo 2019
Giovedì 28 marzo, alle ore 16,30, nell’ Antica Fabbrica di cioccolato Gay-Odin (via Vetriera 12 Napoli), è stato presentato il libro “Emozioni visive dalla Birmania, Immagini di un viaggio in Myanmar, un paese bello e sfortunato”. Dopo una breve introduzione di Marisa Maglietta Del Vecchio, Proprietaria dell’antica e prestigiosa cioccolateria napoletana, ha dialogato con l’autrice il dott. Salvatore Manna, direttore della rivista “Segni dei Tempi”, alla presenza del Console del Touring Club, dott. Silvana De Luca e del Vice console, dott. Maria Rosaria Vaccaro. Come ha spiegato la stessa prof. Cristina Morra, intervistata da. S. Manna, libro è un racconto di “emozioni” espresse attraverso numerose foto. L’obiettivo perseguito, dunque, è quello di suscitare anche nel lettore profonde emozioni guardando le immagini scattate durante il suo viaggio del 2009 in Birmania, Paese che ella definisce bello e allo stesso tempo sfortunato. Bello per il fascino di spettacoli naturali, umanità di bambini e contadini, arte e meravigliosi templi, sfortunato a livello politico per governi dittatoriali, povertà, mancanza di igiene, arretratezza tecnologica (non c’è energia elettrica in molti luoghi): un Paese, senz’altro coraggioso che politicamente ha combattuto con grande dignità per la libertà, sostenendo Aung San Suu Ky. La Birmania, inoltre, esercita un grande fascino spirituale. Anche se Siddharta Gautama, il Buddha, era indiano, il suo pensiero filosofico si diffuse in tutta l’Asia meridionale e orientale. In Birmania suscitò più interesse il cosiddetto Buddismo del “piccolo veicolo”, cioè quello delle origini, più legato ad interiorità, lavoro sulla persona, conoscenza del sé. Colpiscono le innumerevoli statue del Buddha in tutte le pose (fotografate nel libro). L’autrice evidenzia che questa antica filosofia, anche se priva di una visione trascendente, è tra le più alte in quanto fu la prima a predicare l’ottuplice sentiero dei principi etici e “la compassione” che in qualche modo si avvicina alla “solidarietà” del Cristianesimo, religione che tuttavia si differenzia dal buddismo in diversi punti fondamentali, messi in rilievo da Papa Giovanni Paolo II nel suo libro “ Il cammino della speranza” e da Laura Cesarano Jouakim, in “Gesu’, il Buddha e la legge della vita. Come prendere il meglio dal buddismo senza smettere di essere cristiani”. Partendo pertanto dalla considerazione che il Buddhismo non è una religione, ma filosofia morale e sapendo che Buddha vive nel V secolo a.C., nel libro se ne sottolinea l’influsso sull’Ebraismo e quindi indirettamente sul Cristianesimo che comunque rappresenta un ulteriore e più avanzato livello spirituale illuminato dalla luce divina. Dai cenni biografici apprendiamo che la prof. Cristina Morra, laureata in Economia e Commercio, ha insegnato per 26 anni presso l’Istituto Tecnico Michelangelo Buonarroti di Arezzo. Attualmente in pensione, è presidente della Sezione aretina dell’A.I.I.G. (Associazione Italiana Insegnanti di Geografia)e offre la sua collaborazione all’ l’Università Statale di Firenze e l’Università dell’Età Libera di Arezzo. Tra le sue pubblicazioni ricordiamo diversi testi scolastici e i seguenti libri: Globalizzati, ma liberi e sviluppati? (2006); Uno sguardo su Arezzo e il suo centro storico. Per uno "slow tourism"(2007). Giovanna D’Arbitrio
Sfoglia marzo        maggio