Blog: http://ilmeridione.ilcannocchiale.it

FILM "IL PRIMO UOMO"

           

Tratto dal romanzo autobiografico di Albert Camus “Le Premier Homme”, il film di Gianni D’Amelio “il Primo Uomo” è apparso anche sugli schermi italiani dopo aver ricevuto il premio FIPRESCI assegnato dalla critica internazionale al Festival di Toronto.

 

E’ la storia di Jean Cormery (alias Camus stesso, interpretato da J. Gamblin)che torna in Algeria, paese in cui è nato da genitori immigrati di seconda generazione, da Lucien, colono di origine francese morto durante la I guerra mondiale, e da Catherine (Maya Sansa), di origine spagnola.

 

Dopo aver visitato la tomba del padre nel ’57 Jean, ormai divenuto scrittore di successo in Francia, cerca di diffondere  il suo messaggio di coesistenza pacifica tra francesi e musulmani in un periodo di forti tensioni ed attentati terroristici per la lotta a favore dell’indipendenza contro il colonialismo: da una parte c’è la Francia che considera l’Algeria terra ribelle e lontana dove si ritiene necessario reprimere brutalmente ogni richiesta di libertà, dall’altra i rivoluzionari che reagiscono con attentati terroristici, respingendo con durezza le idee di integrazione tra le diverse etnie.

 

Il quarantenne Jean si sente allora “straniero” tra due mondi e parte alla ricerca di se stesso attraverso i ricordi dell’infanzia nel tentativo di riannodare il passato al presente, per scoprire la verità su se stesso e gli eventi storici attraverso un’analisi di cause ed effetti : continui flashback  ci mostrano un bambino sensibile, educato da una nonna dispotica (Ulla Bougué), da una madre dolce e silenziosa, da un affettuoso giovane zio, Etienne (N. Giraud), tutti poveri e analfabeti,  ma lavoratori, onesti e dignitosi, dotati di buoni sentimenti. Fondamentale la figura di un insegnante, il prof. Bernard (D. Podalydés), maestro di vita, che lo incoraggerà a proseguire gli studi e lo aiuterà nella sua crescita umana e spirituale. Sua è la frase “Un bambino è il germoglio di un mondo che verrà”.

 

Sono dunque i valori che lo formarono da piccolo che ora lo spingono a scrivere e ad esprimere le sue idee sui drammatici avvenimenti dell’ epoca, con il senso di responsabilità di un uomo dotato di una visione più ampia, più complessa, una visione che da autobiografica e personale, diventa infine esistenziale, sociale, storica.

 

Egli afferma pertanto che il dovere di uno scrittore “è di aiutare quelli che subiscono la storia”, anche se “colui che scrive non sarà mai all’altezza di colui che muore” per una giusta causa. Pur comprendendo tuttavia i motivi di quelli che sacrificano la propria vita per la libertà repressa con metodi crudeli e disumani, condanna fermamente gli attentati terroristici che spesso mietono vittime innocenti in modo indiscriminato.

 

Jacques ritorna in Algeria dunque per ritrovare soprattutto “i rapporti umani del passato”  con l’aiuto della madre ormai anziana (C. Sola), rapporti ancora vivi nel presente  in un mondo sconvolto dai cambiamenti.

 

Prevalgono nel film le luci soffuse, i lumi di candele, il colore ingiallito di vecchie foto che registrano i ricordi (fotografia è di Y. Cape), la narrazione lenta, i primi piani sui volti espressivi ed intensi. Solo a tratti una luce solare invade lo schermo con squarci paesaggistici sul fresco verde primaverile delle piante o sull’intenso blu del mare. E così, seguendo il colore, anche la musica sembra in ogni momento sottolineare gli stati d’animo (colonna sonora di F. Piersanti).

 

Un bel film, anche se velato di tristezza, un film che ancora una volta ci dimostra la bravura di G. Amelio, regista e sceneggiatore, nonché la sua sensibilità  nel penetrare i meandri della psiche infantile, sensibilità già dimostrata in precedenti film, come “Ladro di Bambini”, “Le Chiavi di Casa” ed altri. Bravissimo anche Nino Jouglet, il piccolo attore che interpreta Jean da bambino.

 

Giovanna D’Arbitrio

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicato il 13/5/2012 alle 19.15 nella rubrica diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web