Blog: http://ilmeridione.ilcannocchiale.it

MOSTRA DI ILIA TUFANO: "NEI COLORI DELLE PAROLE)

Sabato 17 settembre 2016 ore 18.00 si inaugura presso La Casa della Corte, Piazza Indipendenza ad Agerola (NA) la mostra personale di Ilia Tufano , intitolata: ”Nei colori delle parole”, introdotta da un testo critico di Luigi Paolo Finizio. Resterà aperta fino al 9 ottobre, dal lunedì al sabato ore 10-13, martedì, giovedì e sabato anche ore 17-19, domenica ore 10-12. La mostra, inserita nel programma “AGEROLAARTE2016”, è la tappa conclusiva di un percorso che ha visto alternarsi dal 23 giugno la mostra personale di Gianni Rossi, poi quella di Edoardo Ferrigno e quella di Antonio Izzo, che si conclude il 14 settembre. Luigi Paolo Finizio ha curato il progetto ; ORDINE SPARSO è il titolo del suo testo, che lo introduce. Alberto Silvestri ha promosso l’evento , con il sostegno del Sindaco di Agerola, prof. Luca Mascolo ed il patrocinio del Comune. La mostra “NEI COLORI DELLE PAROLE” presenta alcune piccole installazioni , alcuni libri d’artista ed alcuni dipinti realizzati dall’artista napoletana negli ultimi anni, insieme a lavori recentissimi e quindi ancora inediti, al fine di rendere conto di una ricerca che da almeno un decennio si dipana sul confine, sull’intreccio del visivo e del verbale. “Sta in tale pendolo comunicativo la verve persuasiva delle sue composizioni. Un transito di percezioni e nessi di pensiero che si coagulano per metafore e ostensioni plastiche, per dettati di parole e le loro fisiche amplificazioni. Le pratiche, le tecniche d’immagine cui ricorre la Tufano sono diverse e anche esse contribuiscono al gioco contaminante, all’interazione tra parola e immagine, tra lemma e colore, tra discorso e confezione spaziale. Con la messa in opera si dischiude una sorta di polisemia che va oltre il senso dei colori e delle parole. Essa investe il complesso dei materiali, il loro interagente impiego formativo nel conferire struttura all’opera, alle sue articolate e simboliche dimensioni estetiche.” Scrive Luigi Paolo Finizio nel suo testo critico. (COMUNICATO STAMPA)

Pubblicato il 12/9/2016 alle 13.16 nella rubrica diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web